gemma.wine

Nero Magis

“To be unique and universal”, con queste parole Eugenio Perazza ispira e guida i progetti di Magis.
La storia moderna del vino italiano, sbocciata nel 1970, ha saputo unire la tradizione all’innovazione. Da allora, ogni nuovo vino che nasce aggiunge un suo contributo a questa storia e Nero Magis rappresenta il filo conduttore di questa impresa unendo Merlot e Pignolo in un blend vocato alla longevità e all’ eleganza.

Grazie al favorevole clima dei Colli Orientali del Friuli e l’esposizione ottimale del comune di Orsaria i vigneti riescono a produrre uve mature e concentrate: il Merlot, che rappresenta l’innovazione, è stato piantato per la prima volta in Friuli nel 1880 ed ad oggi rappresenta la maggioranza della produzione di vino rosso nella re- gione; il Pignolo rappresenta la tradizione, le prima attestazione documentata risale al 1398 ma la sua rinascita inizia negli anni ‘70 grazie a Walter Filiputti, il quale dedica molti anni al recupero di questa varietà.

Il progetto prende ufficialmente forma nel 2014 con la produzione della prima annata. Al vino Nero Magis, che vede tra loro uniti Pignolo e Merlot, si è aggiunto con la vendemmia 2015, il Nero Magis Riserva, da Pi- gnolo in purezza. Due vini da una stessa idea: due vini fratelli, capaci di esprimersi su toni diversi: il primo più suadente, il secondo rigoroso, di intensa personalità e con una maggior vocazione all’invecchiamento.